Presse - Milano Finanza, 30 settembre 2006 – Nel Chianti

Hotel Il Borgo di Vescine
Réserver en ligne
Annuler / Options
Image/borgo_di_vescine_notte-21.jpg
» Retour

Milano Finanza, 30 settembre 2006 – Nel Chianti

La strategia di diversificazione della famiglia Paladin ha centrato un importante obiettivo con un relais in Toscana
Dove si incontrano Veneto e Friuli, ad Annone Veneto, sorgono le Cantine Paladin – Bosco del Merlo. Fondata da Valentino Paladin, oggi l’azienda è guidata dai tre figli Carlo, Lucia e Roberto. Cento ettari di terreno nella zona del Lison Pramaggiore e una grande vocazione per la qualità e la tipicità dei propri prodotti. “La qualità e la genuinità del territorio”, spiega Carlo Paladin, responsabile della produzione, “devono essere parte del Dna dei nostri prodotti. L’attenzione filare per filare, il perfezionamento delle fasi di lavorazione, il fattore umano sono tutte componenti di un processo in cui c’è poco da scoprire e tutto è perfezionabile. Solo così si ottengono grandi vini”. Il mercato sembra premiare questa scelta strategica. Quello tradizionale sta crescendo e il trend è sicuramente positivo, mentre i nuovi mercati stanno dando buone prospettive. “I numeri – afferma Paladin – non sono enormi ma fanno tendenza. La ricetta è sempre la stessa, offrire la qualità e la riconoscibilità dello stile italiano”. Qualità che la famiglia Paladin ha riproposto anche a Vèscine, un borgo medievale del XIII secolo nel cuore del Chianti classico, ristrutturato e trasformato in un relais. Un punto di riferimento per chi ama la Toscana e soprattutto per gli appassionati del grande vino. Qui infatti la famiglia Paladin ha avviato un importante progetto che ha portato, nel 2004, all’imbottigliamento di Chianti, Sangiovese di Toscana e olio dei colli. Un esempio di strategia di diversificazione iniziata con la creazione della linea Borghi Distillati. “Perché – conclude Paladin – i nostri prodotti hanno la forza e la ricchezza della diversità, la nostra carta vincente è quella di far conoscere la particolarità e l’unicità del nostro gusto”.